CONTENUTO DELLA PAGINA

CULTURA E TURISMO

CULTURA E TURISMO

Natura

La natura però offre il suo volto più selvaggio e affascinante nelle località di ''Biduladu'' e ''sa Murta'' e soprattutto nella imponente foresta di ''Corongia'', a circa 15 Km. da Gadoni. Centinaia e centinaia di ettari di bosco che rivestono una enorme importanza sia dal punto di vista naturalistico che da quello paesaggistico-ambientale. Vi si possono trovare numerose specie arboree quali Leccio, Tasso, Terebinto e Ginepro, specie floreali come la peonia selvatica e numerose specie di Orchidee selvatiche. Più a sud, dove l'altipiano degrada verso il grande vallone del Flumendosa è possibile ammirare suggestivi scenari dove la natura rivela il suo fascino più selvaggio con le aspre pareti a precipizio di Lattinazzu alte fino a 100 metri, incise e modellate dalla forza dell'erosione in tutti gli aspetti possibili. Fra questi spicca per bellezza lo strato, e allo stesso tempo straordinario, il pinnacolo di su Campalini, una guglia rovesciata alta circa 80 metri, con la base più sottile della parte superiore, visibile da un punto panoramico da dove si domina tutta la vallata del Flumendosa.

In tutto questo contesto non vanno dimenticate le grotte e le spelonche che caratterizzano questo paesaggio, quelle di Gruttas Albas, con una volta di circa 70 metri e quelle di Gruttas de Perdu, adornate di stallatiti e stalagmiti. Occorre ricordare che tutte queste grotte sono visitabili e facilmente raggiungibili. Con una guida esperta sono inoltre visitabili altre zone caratteristiche di questa Foresta come ad esempio su Disterru e Luritta, un inghiottitoio del diametro di circa 10 metri, sa Stiddiosa, così chiamata per il continuo gocciolio di un piccolo corso d'acqua che confluisce nel Flumendosa o ancora le suggestive formazioni rocciose dalle forme bizzarre di is Breccas, che danno al paesaggio un tocco quasi irreale.

Torna all'inizio della pagina

AIUTI, SOTTOMENU DELLA PAGINA E ALTRE SEZIONI DEL SITO

Torna all'inizio della pagina